back Cerca

Moto.it

News

Giugliano: "Ducati mi ha deluso"

Giugliano: "Ducati mi ha deluso"

  • 3 foto
  • 13 commenti


27 ottobre 2012 - di Carlo Baldi
Abbiamo raccolto il commento di Giugliano coinvolto dal mancato accordo tra il team Althea e la Ducati. "Sono ottimista e certo dell’aiuto di Bevilacqua. Mi mancheranno molto i tifosi della rossa" | C. Baldi

Leggi l'articolo


Il prossimo anno non correrai con la nuova Panigale.
«Sono molto dispiaciuto in quanto ci tenevo molto al rapporto che avevo con Ducati. Con loro ho vinto la Superstock 1000 e ho debuttato in Superbike e sarei stato felice di poter proseguire a lavorare con la Casa italiana, ma purtroppo non è stato possibile. Mi spiace anche per non poter proseguire un lavoro che stavo portando avanti da tempo e che stava dando dei buoni risultati».


Cosa ne pensi della decisione di Ducati?
«Non conosco nel dettaglio e quindi non discuto le motivazioni che hanno portato Althea e la Ducati a non accordarsi per il prossimo anno. Avranno avuto senza dubbio i loro motivi. Mi lascia un poco di amaro in bocca il fatto che dopo un’attesa così lunga io mi sia ritrovato senza una moto alla fine di ottobre. Per fortuna Genesio non mi ha abbandonato e anzi so che sta già lavorando per il futuro mio e della nostra squadra. Sono in questi momenti che vedi chi ti è amico e chi invece ti gira le spalle».


Cosa farai il prossimo anno?
«Sono tranquillo per quanto riguarda il mio futuro perché so che Bevilacqua ha sempre creduto in me e lo farà ancora. Sta operando nel mio interesse pensando anche al mio futuro ed alla mia carriera e per questo devo solo ringraziarlo e ritenermi fortunato di aver trovato una persona come lui. So inoltre che lui non scende a compromessi e che sta cercando di avere il meglio per la sua squadra, come ha sempre fatto. Non si accontenta di partecipare e questo mi rende ottimista per il futuro. Voglio comunque ringraziare la Ducati con la quale ho trascorso anni bellissimi, pieni di successi. I tifosi Ducati resteranno sempre nel mio cuore per tutto l’affetto che mi hanno sempre dimostrato e spero che mi continuino a seguire con simpatia, anche se mi vedranno su un'altra moto».

 

Vai alla versione classica di Moto.it